psicologa torino

psicoterapeuta torino

psicoterapia

consulenza psicologica torino

Psicologa Torino è di propietà della dott.ssa ALBERTA psicologa e psicoterapeuta a Torino. Psicologa torino è il luogo virtuale della Dott.ssa Nicoletta ALBERTA.
Psicologa Torino è il nome del sito della dottoressa Nicoletta Alberta. La dottoressa dopo essersi laureata in psicologia presso l'Università di Torino si è Specializzata in Psicoterapia. Per diventare psicoterapueta bisogna essere laureata in psicologia ed aver effettuato 4 anni di specializzazione in psicoterpapia. La psicologa torino Alberta, è cosi' diventata Psicoterapueta, e svolge la sua attività a Torino, perciò meglio conosciuta nell'ambiente con Psicoterapeuta Torino. La sofferenza psicologica si manifesta attraverso molteplici sintomi psicologici e fisici, e con l'aiuto di una psicologa o di una psicoterapueta questi si possono curare questi sintomi ed è per questo motivo che la psicologa torino e psicoterapueta Torino Alberta ha deciso di iniziare nella citta dove si è laureata, a Torino. Alcune persone prendono la decisione di rivolgersi ad uno psicologo o ad uno psicoterapueta perchè si sentono sole o da troppo tempo depresse o ansiose. Molte altre per avere un sostegno per affrontare la malattia. D'altra parte molti, invece, per paura dello stigma non si rivolgono a nessun psicologo o psicoterapueta. La psicologa Torino e psicoterapeuta Torino Dott.ssa Alberta riceve su appuntamento e offre la sua consulenza psicologia a torino rispettando tutte le norme per la privacy. La psicologa Torino e psicoterapeuta a Torino ALBERTA sarà lieta di offrirvi tutta la sua professionalità per una consulenza psicologica. La prima consulenza psicologica sarà gratuita e si svolgerà a Torino nel suo studio privato.

psicologa torino,psicoterapeuta torino, consulenza psicologica torino

Psicologa • Psicoterapeuta

ATTACCHI DI PANICO

In certi momenti della vita, quasi tutti hanno sperimentato una sensazione che può essere descritta come “PANICO”. Il cuore accelera, il respiro si fa difficoltoso, il corpo inizia a tremare, tanto per citare alcuni possibili sintomi. In generale, sensazioni di panico sono una reazione naturale a qualche evento spaventoso o minaccioso.
L'ATTACCO DI PANICO è, però, qualcosa di diverso.

 

Solo chi ne ha sofferto, o chi ne soffre,
può comprendere il senso di smarrimento racchiuso in questo dolore.
Il panico ti agguanta, ti trascina all’ultimo girone dell’inferno e non capisci il perché.
Ci si sente folli e stupidi, profondamente stupidi.

Pensiero di una Donna

 

L’ATTACCO DI PANICO è una crisi d’ansia estrema, sconvolgente, che comporta sintomi fisici e psichici intensi e polimorfi, fino a provocare la paura di morire, di impazzire o di perdere il controllo. Questi sintomi appaiono all’improvviso e senza causa apparente.

Le MANIFESTAZIONI FISICHE dell'attacco di panico rappresentano l’effetto di un’intensa attivazione neurovegetativa: tachicardia, palpitazioni, sudorazioni, sensazioni di caldo e freddo, nausea, vertigini e dolori addominali. A livello respiratorio, si possono presentare dolori toracici, sensazioni di soffocamento, mancanza d’aria, dispnea acuta; e ancora, vertigini, svenimenti, instabilità alla deambulazione, tremori fini o a scatti.
In alcune persone si riscontrano distorsioni psico-sensoriali: sentimenti di derealizzazione, ossia sensazioni di sogno o distorsione percettiva; sentimenti di depersonalizzazione, ossia la percezione che non si è connessi al corpo o perfino che si è disconnessi dal tempo e dallo spazio; sensazioni di rivissuto (dejà-vu).
Le MANIFESTAZIONI PSICOLOGICHE dell'attacco di panico sono quelle di terrore, ossia una sensazione che qualcosa di orribile sta per succedere e si è impotenti a prevenirlo; paura di perdere il controllo e fare qualcosa di imbarazzante o di diventare pazzi; sensazioni di morte imminente.

Un attacco di panico tipicamente dura dai 2 agli 8 minuti, finanche ad un’ora come massimo, ed è una delle condizioni più spaventose e traumatizzanti di paura psicologica e fisica che una persona possa vivere. 
Siccome gli attacchi di panico possono essere ricorrenti, la persona può sviluppare una forma secondaria di ANSIA ANTICIPATORIA, preoccupandosi perennemente di quando e dove avverrà l'attacco successivo. Chi soffre di attacchi di panico è portato così ad evitare tutte quelle situazioni e circostanze a cui era stato associato il primo episodio: ciò induce all'isolamento e al ritiro dalla vita sociale e dalle normali attività, in un circolo vizioso che alimenta la paura. In associazione al disturbo da attacco di panico è possibile soffrire anche di AGORAFOBIA, ossia la paura di essere intrappolato in un luogo, o in una situazione, dai quali la fuga può essere difficile o tremendamente imbarazzante.

La DIAGNOSI di DISTURBO DI PANICO si effettua se si presentano ripetuti attacchi di panico, imprevedibili, inaspettati e non provocati né da una malattia medica, né da una sostanza.
Nonostante gli attacchi di panico sembrino "provenire dal nulla", ossia senza evidenti fattori precipitanti ambientali o intrapsichici, da un'analisi più approfondita gli studi hanno rilevato, come patogenesi del disturbo, la presenza di un pattern d'ansia relativa alla socializzazione durante l'infanzia, di relazioni con genitori non supportive e della sensazione di essere intrappolati. La rabbia e l'aggressività sembrano essere di difficile gestione per la maggior parte di questi pazienti. (Glen O. Gabbard, Psichiatria Psicodinamica). Inoltre, nell'anno precedente l'insorgere del disturbo di panico, si è riscontrata una forte e significativa associazione con eventi altamente stressanti, come la separazione o il lutto di persone significative.

 

APPROFONDIMENTI: ATTACCHI DI PANICO, patogenesi e cura.

 

 

  • Un Albero per raggiungere il Cielo non si sradica dalla sua Terra.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10