psicologa torino

psicoterapeuta torino

psicoterapia

consulenza psicologica torino

Psicologa Torino è di propietà della dott.ssa ALBERTA psicologa e psicoterapeuta a Torino. Psicologa torino è il luogo virtuale della Dott.ssa Nicoletta ALBERTA.
Psicologa Torino è il nome del sito della dottoressa Nicoletta Alberta. La dottoressa dopo essersi laureata in psicologia presso l'Università di Torino si è Specializzata in Psicoterapia. Per diventare psicoterapueta bisogna essere laureata in psicologia ed aver effettuato 4 anni di specializzazione in psicoterpapia. La psicologa torino Alberta, è cosi' diventata Psicoterapueta, e svolge la sua attività a Torino, perciò meglio conosciuta nell'ambiente con Psicoterapeuta Torino. La sofferenza psicologica si manifesta attraverso molteplici sintomi psicologici e fisici, e con l'aiuto di una psicologa o di una psicoterapueta questi si possono curare questi sintomi ed è per questo motivo che la psicologa torino e psicoterapueta Torino Alberta ha deciso di iniziare nella citta dove si è laureata, a Torino. Alcune persone prendono la decisione di rivolgersi ad uno psicologo o ad uno psicoterapueta perchè si sentono sole o da troppo tempo depresse o ansiose. Molte altre per avere un sostegno per affrontare la malattia. D'altra parte molti, invece, per paura dello stigma non si rivolgono a nessun psicologo o psicoterapueta. La psicologa Torino e psicoterapeuta Torino Dott.ssa Alberta riceve su appuntamento e offre la sua consulenza psicologia a torino rispettando tutte le norme per la privacy. La psicologa Torino e psicoterapeuta a Torino ALBERTA sarà lieta di offrirvi tutta la sua professionalità per una consulenza psicologica. La prima consulenza psicologica sarà gratuita e si svolgerà a Torino nel suo studio privato.

psicologa torino,psicoterapeuta torino, consulenza psicologica torino

Psicologa • Psicoterapeuta

DISTURBI PSICOSOMATICI

La parola è solo uno degli strumenti a disposizione dell'individuo, per esprimere se stesso e comunicare con gli altri. Il corpo con la sua postura e le sue varie forme di espressione, ivi compresi i sintomi, sembra essere la via privilegiata che l'individuo ha per esprimere la sua totalità. Quando le emozioni e il disagi psicologici sono troppo dolorosi per essere vissuti e sentiti, essi trovano una via d'espressione immediata nel corpo, tramite il DISTURBO PSICOSOMATICO.

 

Il mio corpo è più del mio corpo. Io non ho un corpo, io sono un corpo.

Emmanuel Mounier

 

In passato, si parlava di psicosomatica riferendosi ad essa solo in relazione a quelle malattie organiche la cui causa era rimasta oscura e per le quali, quasi per esclusione, si pensava potesse esistere una genesi psicologica. Oggi al contrario si parla, non solo di psicosomatica, ma di un'OTTICA PSICOSOMATICA, corrispondente ad una concezione che guarda all'uomo come ad un tutto unitario, dove la malattia si manifesta a livello organico, come sintomo, e a livello psicologico, come disagio.

I DISTURBI PSICOSOMATICI, propriamente detti, sono quelli la cui sintomatologia non può essere ricondotta a nessuna condizione medica generale. 

Tali disturbi psicosomatici sono quelli che più strettamente realizzano uno dei meccanismi difensivi più arcaici con cui si attua una espressione diretta del disagio psichico attraverso il corpo. In queste malattie, l'ansia, la sofferenza, le emozioni, troppo dolorose per poter essere vissute e sentite, trovano una via d'espressione immediata nel corpo, tramite il disturbo: non sono presenti espressioni simboliche, verbali, capaci di mentalizzare il disagio psicologico e le emozioni, che, pur essendo presenti, non vengono percepite.

In genere il PAZIENTE PSICOSOMATICO si presenta con un buon adattamento alla realtà, con un pensiero sempre ricco di fatti e di cose e povero in emozioni: si tratta di una persona che difficilmente riferisce sentimenti quali rabbia, paura, delusione, scontentezza, insoddisfazione.
Il Disturbo psicosomatico si manifesta spesso in persone che hanno difficoltà a far venire alla luce emozioni: tutte le loro capacità difensive tendono a tener lontani contenuti psichici inaccettabili, a costo di ferire il proprio corpo. In questo senso, la persona, incapace di accedere al suo mondo emotivo, potrebbe non percepire rabbia, frustrazione, o stress, per una difficile condizione lavorativa e neppure immaginare una possibile connessione tra il malessere fisico e le emozioni o i vissuti relativi al suo lavoro. Anche se tali caratteristiche non sono sempre presenti in assoluto in quelli che presentano una patologia psicosomatica, sembra comunque permanga in queste persone una parte dell'io che tende a funzionare in questo modo.

Nello specifico, i DISTURBI DI TIPO PSICOSOMATICO si manifestano nei seguenti apparati corporei:

  • apparato gastrointestinale attraverso gastrite, colite ulcerosa, ulcera peptica, colon irritabile, gastrite cronica, iperacidità gastrica, stipsi, nausea, vomito, diarrea (disturbi a carico di questo apparato sono fra i più frequenti e comuni);
  • apparato cardiocircolatorio attraverso tachicardia, aritmie, cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa essenziale, la cefalea emicranica;
  • apparato respiratorio attraverso asma bronchiale (soprattutto nei bambini), sindrome iperventilatoria;
  • sistema cutaneo attraverso la psoriasi, l'acne, la dermatite atopica, il prurito, l'orticaria, la secchezza della cute e delle mucose, la sudorazione profusa, eritema pudico (rossore da emozione);
  • apparato urogenitale attraverso dolori mestruali, impotenza, eiaculazione precoce o anorgasmia, enuresi;
  • sistema muscoloscheletrico attraverso la cefalea tensiva, i crampi muscolari, il torcicollo, la mialgia, l'artrite, dolori al rachide, la cefalea nucale.

L' APPROCCIO ai disturbi psicosomatici non può essere solo medico e farmacologico, in quanto non si arriverà mai ad una guarigione definitiva con la sola rimozione dei sintomi. La psiche provvede, infatti, all'insorgere di una nuovo disturbo psicosomatico, attraverso il meccanismo dello spostamento del sintomo.

E' essenziale, quindi, intraprendere un percorso psicologico che vada a individuare le cause più profonde del disturbo psicosomatico e lo metta in contatto con le emozioni rimosse ad esse associate.

 

APPROFONDIMENTI: LA SIMBOLOGIA DEL CORPO

 

  • I più grandi pericoli della vita s'incontrano, quando si fa di tutto per evitarli.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10