psicologa torino,psicoterapeuta torino, consulenza psicologica torino

Psicologa • Psicoterapeuta

In seguito ad una situazione traumatica estrema, catastrofica o violenta, vissuta direttamente, che causa o può comportare morte, o lesioni gravi, o altre minacce alla propria integrità fisica o di un’altra persona, l'individuo può sviluppare il DISTURBO POST TRAUMATICO DA STRESS. Si tratta di una costellazione di sintomi, indice di forti sofferenze psicologiche.

Molte persone nel corso della loro vita si sono trovate ad affrontare eventi negativi, altamente stressanti e traumatici. Tali esperienze possono lasciare ferite che si rimarginano senza la richiesta di aiuto esterno, oppure possono rappresentare un vero e proprio TRAUMA PSICOLOGICO, comportando un disagio clinicamente significativo che può cronicizzarsi, compromettendo la normale funzionalità di un individuo.

L’AMORE, nelle sue diverse forme di attaccamento, rappresenta un'importante capacità e, al contempo, un naturale e profondo bisogno di ogni essere umano. Quando un rapporto affettivo diventa un “legame che stringe” o, ancor peggio, una “dolorosa ossessione” in cui si altera stabilmente quel necessario equilibrio tra il “dare” e il “ricevere”, l’amore può trasformarsi in un’abitudine a soffrire, fino a divenire una vera e propria DIPENDENZA AFFETTIVA.

L’ansia sociale è un’esperienza profondamente umana, normale e fisiologica, che consiste in un insieme di fenomeni di disagio sperimentati in alcune situazioni sociali in cui è richiesta una performance. Provare ansia sociale non denota necessariamente essere affetti da un disturbo psicologico. Quando però tale ansia diventa eccessiva e pervasiva, associata all'evitamento sistematico di tali situazioni, allora si può parlare di FOBIA SOCIALE. 

La vita è movimento e cambiamento: la natura muta attraverso le sue stagioni, la persona attraverso i suoi umori e i suoi vissuti. Solo ciò che è privo di vita è anche privo di movimento. Accettare questo significa vivere in armonia con se stessi e con l’esistenza; seguirne il flusso costante significa rispondere alle esigenze evolutive insite nella natura umana.

Sottocategorie

  • Non sempre "curare" significa “guarire”, per come lo si intende comunemente, ossia eliminare un sintomo che reca dolore. Curare, “aver cura di”, è anche, e soprattutto, comprendere, accogliere e rispettare. Il sintomo può custodire un significato importante per la nostra crescita. E' importante capirne il significato, anziché eliminarlo.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10